Pegging Pratica Sessuale – Scopriamolo Insieme!

Il nome pegging ha una storia curiosa, nasce nel 2001, grazie ad un contest sul web. In questo articolo approfondiremo tutto ciò che devi sapere su questo argomento; il nostro blog ti aiuterà ad approfondire la tua conoscenza, aumentare la fantasia sessuale nel rapporto di coppia. Inoltre potrai farci qualsiasi domanda relativa al mondo del sesso. Qui sotto infatti puoi lasciare un commento al quale risponderemo tempestivamente.

Proprio questo termine: pegging, vince la gara di neologismi bandita da Dan Savage (giornalista statunitense), con lo scopo di dare un nome alla pegging pratica sessuale, ovvero il sesso anale eterosessuale “subito” dall’uomo.

 

Descrizione e definizione del pegging

Questa pratica tutt’ora di nicchia, ma sempre più in via di sviluppo, ha il vantaggio di poter offrire sensazioni di piacere ad entrambi i partner contemporaneamente. Per definizione questa nuova frontiera del sesso, mira al contemporaneo godimento di coppia.

Perché usando un dildo strap on doppio, ovvero con un fallo esterno applicato alla cintura fallica e uno interno che penetra nella vagina, la donna sostanzialmente si sostituisce all’uomo e muovendosi come se stesse praticando sesso anale, andrà a stimolare le parti interne della prostata dell’uomo, potendogli far cosi ottenere un intenso orgasmo anale e contemporaneamente potrà autostimolare il clitoride o il punto G potendo anch’essa giungere all’orgasmo.

In un ottica più semplice identifichiamo lo scambio dei ruoli, la moglie praticherà con il marito pegging, ovvero sarà lei la parte attiva nel rapporto sessuale.

 

Aspetto trasgressivo del pegging

L’aspetto trasgressivo di questa pratica è una leva psicologica importante per aumentare il grado di libido dei partner.

Proprio in considerazione dello stigma associato al sesso anale con l’omosessualità, molte persone eterosessuali traggono piacere dall’infrazione del tabù e dalla trasgressività insita nel pegging etero.

Infatti Le donne apprezzeranno le sensazioni di avere un pene simulato e gli uomini l’esperienza passiva della penetrazione.

Ecco perché ironicamente, lo stesso Dan Savage consiglia ad ogni uomo etero di farsi peggare almeno una volta nella vita.

 

Toys per pegging

Una notizia sorprendente, già risalente alla fine 2015, c’è la comunica il colosso svedese dei sex toy: LELO .

In quanto risulta che il giocattolo erotico più venduto a Natale non è stato un toy per il corpo femminile, ma HUGO, un massaggiatore prostatico high tech riservato ai maschi. Uno stimolatore prostatico pensato proprio per massaggiare un punto altrimenti difficile da raggiungere.

Questo toy permette all’uomo di raggiungere orgasmi intensi e gratificanti.

 

Come fare pegging

 

Come fare pegging

Ora che abbiamo fatto luce sui vari aspetti del pegging sembra giusto introdurre alcune nozioni su come praticare questa tecnica.

Innanzitutto non esiste una posizione ideale per il pegging, dipende solo dalla fantasia e voglia di sperimentare.

Per esempio potrete partire dalla canonica posizione a quattro zampe o comune pecorina, passando alla classica a pancia in su o in piedi contro una parete, di fatto l’uomo si sostituisce a tutti gli effetti alla donna.

La posizione migliore potrebbe essere quella che permette alla donna durante la penetrazione di poter procedere alla masturbazione dell’uomo.

La donna da questa pratica trae un godimento mentale altrettanto forte, che preparerà anch’essa successivamente al raggiungimento di un intensissimo orgasmo.

Sicuramente per approcciare al pegging nel migliore dei modi , bisognerà tenere a mente alcuni consigli.

La prima cosa dev’essere l ‘igiene, chiaramente del dildo o toy che si utilizza per la penetrazione e nel limite del possibile curarsi della propria igiene dato che si andranno a esplorare zone del corpo che normalmente esplicano altri funzioni.

Seconda cosa molto importante , bisognerà fornirsi di un gel lubrificante adatto alla penetrazione anale, per la scelta vi rimandiamo alla nostra sezione dettagliata sui lubrificanti.

Bisognerà scegliere la giusta misura del dildo e il materiale, per quello servirà confrontarsi con il proprio partner, conoscersi e cercare di capire quale potrebbe essere il dildo più adatto , magari facendo anche qualche tentativo.

Sicuramente sarà bene procedere per gradi, partendo con un dildo di dimensioni più ridotte.

L’ultima fase, ma non meno importante deve essere il giusto feeling emotivo tra i partner, bisognerà essere nella giusta condizione mentale, essere estremamente rilassati e avere un elevato grado di complicità.

Tutto questo porterà la coppia a raggiungere picchi di piacere incredibili e a provare orgasmi mai provati prima.

Lascia un commento